Scopri la Scuola del Portare®

Perché portare?

Questo mondo mi affascina”, “quando ho il mio bambino sul cuore mi sento bene”, “riesco a sentirlo”, “capisco i suoi bisogni e li soddisfo”, “mi sento appagata”, “recupero quello che abbiamo perso durante il parto”, “riesco ad allattarlo con facilità”, “continuo a portarlo come facevo nel pancione”.
Portare il proprio bambino è il metodo più naturale per accudire i nostri bambini. Li abbiamo portati nove mesi nel pancione, li abbiamo portati alla nascita durante il parto e perché non continuare a portarli sul cuore? 
Questo metodo è utilizzato in tutto il mondo anche se in america e in europa centrale si è persa questa importanza, con l’arrivo della carrozzina verso la fine del 1800. Solo le persone Nobili potevano permetterselo, andando avanti con gli anni l’acquisto della carrozzina è diventato alla portata di tutti. Il metodo estevill e la cultura del basso contatto si sono diffusi velocemente: si cullavano i bambini nei passeggini, si allattava poco e si cercava di renderli presto autonomi. Ma era questo quello di cui i nostri bambini avevano realmente bisogno?
Nel resto del mondo si è continuato a portare, sia per cultura, sia per necessità.
Negli ultimi anni grazie a diverse scuole del portare e alla formazione di consulenti, si sta diffondendo ancora questo metodo, invitando le famiglie a riflettere ed a costruire un rapporto genitore-figlio basandosi sull’ascolto, sull’accoglienza dei bisogni del proprio bambino. 
Per questo io ho deciso di frequentare la Scuola del Portare® e diventarne una consulente, per ascoltare, aiutare, prendermi cura dei genitori ed accompagnarli nelle loro scelte.

Chi è la Consulente del Portare®?

La consulente offre un servizio alle famiglie, promuove la genitorialità a contatto, accompagna i genitori in un percorso di coppia che rende partecipi in maniera attiva anche i futuri papà. Propone incontri informativi periodici, dove offre informazioni corrette ed aggiornate ed approfondimenti.

Le informazioni comunicate e le varie tecniche che si imparano nei vari corsi, sono fondate su solide basi scientifiche. 
La consulente aiuta la coppia di genitori a scegliere lo strumento giusto per soddisfare le esigenze di ognuno, garantendo una preparazione completa anche sulle differenze tra i vari supporti e sulle marche in commercio. La preparazione della consulente è in continuo aggiornamento quindi la sua professionalità in continua crescita.

 

Le regole d’oro per portare:

♥    Utilizzare un supporto idoneo: tramatura diagonale per le fasce di tessuto, jersey per le fasce elastiche; tessuto traspirante; orli rifiniti e rintracciabili.
♥    Cominciare a portare presto e portare spesso
♥    Rispettare la posizione corretta delle anche e fisiologica della schiena (a C)
♥    Il bambino deve aderire al corpo del portatore
♥    La testa non deve essere ripiegata sul petto
♥    Proteggere la testa del bambino finche non la regge in autonomia
♥    Cambiare la posizione rispettando la crescita e l’esigenza del bambino (avanti, fianco e schiena)
♥    Usare buon senso (fare quello che si farebbe con un bambino in braccio) quindi non si può portare in bicicletta, in automobile, a cavallo.
♥    Ricordarsi che non c’è limite per portare il proprio bambino addosso

 

Come scegliere una consulente

Cliccando qui verrete indirizzati direttamente sul sito della Scuola del Portare® nell’area “trova consulenti”. In base alla vostra zona ed alle vostre esigenze, potrete scegliere la consulente che fa per voi. In alternativa potete scriverci all'indirizzo portare@portabimbi.it per richiedere qualsiasi informazione.

Buon portare!
Federica Latina
Consulente del Portare®
 

 

Testi ed immagini protetti da Copyright.

Il Blog di Portabimbi
Portabimbi.it © - Giada3 S.r.l. P.Iva IT 04221310230 | Contattaci | Credits | Privacy Policy | Cookie Policy